Informis ed Essere Compost

Essere Compost promossi da Ludovica Franzè
ludovica franzè

Chi sono

Ludovica Franzè inizia una ricerca sulla narrazione per l’infanzia seguendo workshop e seminari all’interno del progetto educativo Filosofiacoibambini sostenuto dal filosofo Carlo Maria Cirino e Cecilia Giampaoli. Inoltre, partecipa come autrice e attrice alla realizzazione di due spettacoli di teatro per l’infanzia insieme al collettivo Asini e Punte di Spillo. Si trasferisce successivamente in Portogallo, a Lisbona, dove prosegue gli studi presso Universidade NOVA de Lisboa frequentando il corso di Antropologia e Culture Visuali e specializzandosi in visual-art. Frequenta il laboratorio permanente di teatro fisico secondo i principi dell’antropologia teatrale di Eugenio Barba presso ISPA University (Lisbona), segue il training sperimentale di teatro fisico con metodo Suzuki e Viewpoints e partecipa a varie masterclass sulle tecniche di corpo-voce della tradizione Grotowsky. Dal 2021 entra in contatto con il centro di produzione teatrale Campsirago Residenza (MI) con cui collabora nel 2022 come responsabile di residenza e del coordinamento artistico del gruppo di adolescenti/volontari nel contesto del Festival Il Giardino delle Esperidi. Attualmente frequenta il corso di Alta formazione di Teatro nel Paesaggio condotta da Michele Losi, Giulietta De Bernardi e Noemi Bresciani presso Campsirago Residenza.

Essere Compost

Essere Compost riflette con i bambini sul concetto di composizione indagandone i suoi significati biologici, logici e creativi. L’idea è che possa diventare uno strumento per sensibilizzare i bambini (attraverso i linguaggi artistici e in particolare ai linguaggi del teatro) al pensiero ecologico, all’idea cioè secondo cui tutti é interconnesso, tutto è compost(o).

Il laboratorio si ispira alle storie I bambini del compost di Donna Haraway in cui l’autrice rielabora, nella forma della narrativa speculativa, le riflessioni emerse durante la sua partecipazione a un workshop di scrittura collettiva. In quell’occasione, a ogni gruppo di lavoro era stato chiesto di immaginare un neonato e di fargli attraversare cinque generazioni umane che si trovano a vivere su un pianeta sfruttato e sconvolto dai cambiamenti climatici. Per “salvare il pianeta” questi neonati venivano affidati, fin dalla nascita, ad un simbionte animale (in via d’estinzione) con cui condividevano (almeno in parte) sensibilità e abilità. Nel corso delle cinque generazioni, i bambini avrebbero avuto la responsabilità di non fare estinguere l’animale simbionte, affinando la loro alleanza con l’animale e subendo una sorta di metamorfosi fisica. Le fabulazioni di Haraway inventano nuovi futuri possibili in cui alleanze inedite e multispecie sono lo strumento privilegiato per intervenire al disastro ecologico. La proposta è quella di continuare a seguire il racconto di Haraway come si seguono le figure di filo per scoprire verso dove ci conducono. Inventare nuovi futuri possibili.

  • Numero massimo di partecipanti:scoprilo all'infopoint
  • Durata:2h
  • Data e orario:29 luglio dalle 17.00 alle 19.00 AREA BIMBI
  • Cosa ti serve:te stess*

Puoi iscriverti a questo laboratorio di persona all’infopoint che troverai attivo durante il festival.

Ci vediamo alla Gigliara di Polia.

Intanto, restiamo in contatto tramite i social e la newsletter del Kef. 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti sul KEF 

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Il titolare del trattamento dati è Kalistratia ODV, via Santa Croce snc - Polia - VV - CF 96046320790 - info@kalabriaecofest.it